Articolo Repubblica 2_4_2012